Dall'Ingles

News

La battaglia di Solferino-San Martino e la nascita della Croce Rossa

La battaglia di Solferino e San Martino venne combattuta il 24 giuno 1859 in Lombardia nel contesto della Seconda Guerra di Indipendenza, si scontrarono da un lato Napoleone III alleato con Vittorio Emanuele II e Francesco Giuseppe dall’altro. Viene ricordata in Italia per essere il primo concreto passo verso l’unità nazionale.
La battaglia si concluse con la sconfitta dell’Austria di Francesco Giuseppe che perse la guerra e la Lombardia.
Vi parteciparono complessivamente 235.000 uomini circa e la vittoria dell’esercito franco-sardo costò un elevato numero di vittime: 11.000 morti e 29.000 feriti.

Lo svizzero evangelico Henry Dunant giunto il giorno della battaglia, rimase sconvolto dalla terribile carneficina e dalla disorganizzazione dei soccorsi. Si impegnò quindi per organizzare un minimo di assistenza ai feriti, che venne data con l’aiuto della popolazione, specialmente femminile. Vennero dunque prestati soccorsi a tutti, senza guardare il colore della divisa indossata.
In seguito scrisse e pubblicò a sue spese il libro Un souvenir de Solférino, da questo testo e dell’idea di Dunant di formare un servizio sanitario che si occupasse dei feriti a prescindere dalla loro nazionalità, nacque nel 1863 il Comitato Internazionale della Croce Rossa.
Per la sua attività e le sue idee a Dunant nel 1901 venne consegnato il Premio Nobel.

In memoria della terribile battaglia e dei valori che essa porta con sè sono stati costituiti il Museo del Risorgimento, la Rocca e l’Ossario di Solferino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.